La pancetta è sexy?

Non so se vi è mai capitato che un uomo vi dicesse: “peccato che io sia impegnato, altrimenti uscirei con te”, con lo sguardo tipo “lo so che ti piacerebbe”.
A me sì.
A questo genere di uomini mi verrebbe voglia di dire (in genere sorrido e taccio per educazione, ma una volta non mi sono trattenuta e ho risposto): “non ti passa per la mente il dubbio che potrei non essere interessata?”
Perché ok, stai scherzando, sicuramente è una battuta e per te è un complimento nei miei confronti che pensi mi faccia piacere.
In realtà, io questa superbia non la capisco e mi innervosisce anche un po’. Ma ti sei visto?
Da una parte beati loro, beata sicurezza!

Purtroppo le donne al contraro, quasi tutte, anche quelle sopra la media, sono molte insicure, non si piacciono e si lamentano di tutto, soprattutto del sedere grosso e della pancia.
Il difetto non sempre è reale, talvolta si tratta di una sorta di dismorfismo corporeo o quantomeno di un eccessivo senso di autocritica.  Nel caso sia reale, c’è da dire che, ahimé, non è semplice da risolvere del tutto, perché il dimagrimento localizzato è un’utopia.
Se perdiamo peso, dimagriamo ovunque, non solo nella zona “difettosa” ed in proporzione tale zona rimarrà sempre più “tonda”.
Geneticamente c’è chi nasce più fortunato e chi tende ad accumulare in alcuni punti.
Oltre naturalmente alla dieta, o meglio ad una educazione alimentare, è bene inserire sessioni di attività aerobica, come corsa, camminata veloce, bicicletta, nuoto, ecc. che aiutano ad eliminare il grasso corporeo.
Anche gli esercizi di tonificazione però sono importanti perché:

  • migliorano la circolazione, dunque riducono la ritenzione idrica;
  • aumentano la massa muscolare, che aiuta a sua volta a bruciare il grasso;
  • rassodano il muscolo (se sei magra ma moscia, non va bene!).

Dei glutei abbiamo già detto qui, oggi parliamo degli addominali.
Se siamo già magre ma abbiamo la pancetta, ciò è legato fondamentalmente al tipo di alimentazione e man mano che aumenta l’età, è sempre più difficile mantenere un addome piatto.
In questo caso sarebbe consigliabile, prima di tutto, valutare la presenza di eventuali intolleranze alimentari.
Secondariamente, limitare al massimo l’assunzione di sale e degli alimenti salati, come gli insaccati; limitare anche il consumo dei latticini e dei carboidrati, soprattutto ad alto indice glicemico e lievitati (come i dolci).
Frutta e verdura sono ottime perché contengono vitamine e sali minerali ed aiutano la regolarità intestinale, però attenzione alla quantità e a come vengono abbinate agli altri cibi, perché fermentano e dunque gonfiano.
Lo stesso discorso vale per i legumi, che sono un’importante fonte proteica vegetale, ma gonfiano anch’essi.
Infine evitare the, caffè, cacao, bibite gassate, bevande alcooliche e tutti gli alimenti che contengono conservanti e dolcificanti.
Insomma un sacrificio pazzesco, forse meglio un po’ di pancetta, in fondo è sexy! Lo afferma anche la fidanzata di Bruce Willis in “Pulp Fiction”!

Per quanto riguarda la muscolatura addominale e relativi esercizi, è bene sapere che essa si distingue in:
Retto addominale: che flette la spina dorsale.
Non esiste una distinzione tra addome alto e basso, eseguendo il crunch (esercizio di sollevamento delle spalle) si ha una maggiore contrazione della parte alta dell’addome, mentre eseguendo il crunch inverso (sollevamento del bacino) si ha una maggiore contrazione della parte bassa.
In entrambi gli esercizi tutto il retto dell’addome si contrae, anche se con una maggiore enfasi nella parte alta o bassa.

add 1

add 3

Obliquo interno: che flette e inclina lateralmente il torace e lo ruota dal proprio lato.
Obliquo esterno: che flette e inclina lateralmente il torace e lo ruota dal lato opposto.

add 2

Trasverso:
La funzione del muscolo trasverso consiste in un restringimento della cavità addominale, con compressione del suo contenuto, mediante retrazione delle coste, dalle quali trae origine.
E’ molto importante per l’estetica della persona perché consente di tenere in dentro la pancia.
Il modo migliore per allenare questo muscolo è quello di forzare al massimo la fase di espirazione comprimendo l’addome all’interno durante l’esecuzione dei normali esercizi per i muscoli addominali, come ho spiegato qui.
E’ bene anche sapere che gli addominali non agiscono alzando tutto il tronco, come nell’esercizio “sit-up”, e non sollevano le gambe, come nell’esercizio “leg-raise”.
Questi esercizi però possono e devono essere inseriti come varianti (tranne in caso di problemi alla colonna vertebrale), per ottenere una diversificazione degli stimoli che alimentano i processi di ipertrofia.
Negli esercizi di sit-up o nei leg-raise i muscoli addominali agiscono comunque per gran parte del movimento come stabilizzatori, per mantenere il tronco fermo.

Attualmente sono molto in voga gli esercizi in posizione “plank”, che significa “asse”, che fanno lavorare l’intera muscolatura addominale.
Si tratta di mantenere la posizione allineata della colonna, senza alterare le curve naturali, ovvero senza inarcare e senza ingobbire.
Nelle versioni più avanzate si può abbinare il movimento degli arti.
Non è un esercizio per principianti e va eseguito con prudenza ed in maniera corretta, per evitare di farsi male alla schiena.

esercizi-addominali-plank

Ponte-Laterale-a-gambe-distese_image_gallery

Pubblicità

Informazioni su FattiFurbetta

FattiFurbetta è un blog romano che vuole fornire consigli sull'arte del risparmio. Fondato da Monica, si avvale della collaborazione di un gruppo di amiche, tra le quali Marilena (make up artist), Romina (cuoca provetta) oltre ad una serie di esperte di moda e di shopping come Alessandra e Mariangela. Chiunque voglia fornire spunti, idee e suggerimenti sarà ben accetto nel gruppo. Enjoy and have fun!
Questa voce è stata pubblicata in Allenamento e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a La pancetta è sexy?

  1. olivia.civ7 ha detto:

    Grazie per i tuoi consigli… Noi dovremmo riprendere ad andare in palestra… Fai un salto sul nostro blog e leggi le nostre avventure! 😉

  2. Davide Di Pietro ha detto:

    Nella nostra cultura il tonico e asciutto è sexy mentre nei paesi arabi, invece, le donne sono sexy se ben formose; fatto, questo, che confligge con la tonicità.
    Sarebbe interessante capire perché è così. Io, per esempio non so spiegarmelo.
    Tra l’altro la pancetta è un problema di tutti, uomini compresi, visto che la vita lavorativa che facciamo è stressante ma sedentaria (e stendiamo un velo pietoso sull’alimentazione).
    Quando ero ragazzino (negli anni ’60) passavo le vacanze estive al paese di mia madre, in Sicilia; era un paese contadino, dove gli uomini (ed anche le donne) lavoravano in campagna a forza di braccia (le famose braccia dell’Agricoltura 🙂 ) ; erano tutti magri!
    (Ora il paese si è invecchiato e in campagna non ci lavora più nessuno; risultato: sono aumentati i casi di sovrappeso).
    Per tornare al discorso sul “sexy”, bisogna dirselo sinceramente: – nonostante l’estetica pubblicitaria, agli uomini piacciono le curve. Mi sembra invece che le donne insistano molto sulla snellezza perché vogliono piacere innanzi tutto a se stesse. Mi sbaglierò?…boh…
    Considerazioni sull’estetica a parte, i tuoi consigli sugli esercizi fitness sono fondamentali.
    Ciao
    Davide

    • FattiFurbetta ha detto:

      I canoni estetici femminili e maschili sono indubbiamente diversi. Sarebbe ora che le donne lo capissero, sai quanti sacrifici in meno e pastasciutta in più? 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...